Utilizziamo i cookies per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle vostre preferenze di navigazione in modo da offrirvi la migliore esperienza sul nostro sito. Inoltre ci riserviamo di utilizzare cookies di parti terze. Per saperne di più consulta le nostre Privacy Policy e Cookie Policy. Continuando a navigare sul sito, l'utente accetta di utilizzare i cookies.

Delitto e castigo? Guarna difeso da Stroppa che "esagera". I tifosi chiedono rispetto per la maglia

  • Categoria: Sport
  • Pubblicato: Domenica, 22 Aprile 2018 08:49
  • Scritto da Super User
  • Visite: 342
Dopo l'errore di Guarna partono i fischi dello Zaccheria al portiere rossonero reo di ripetere sempre gli stessi errori. Ma in conferenza stampa l'allenatore del Foggia forse esagera un po' definendo Guarna un grande portiere. Va bene se Stroppa si veste da padre di famiglia e difende pubblicamente uno dei suoi figli , ma in privato speriamo che il mister abbia fatto come facevano un tempo i genitori con i propri figli quando sbagliavano e non i padri di oggi che se un insegnante punisce un proprio studente rischia il linciaggio del genitore. Insomma, Stroppa questa volta sta rischiando grosso. Che Guarna sia l'ultima stagione nel Foggia crediamo sia ormai cosa certa, ma cresce pari passo la sensazione di un clima poco costruttivo attorno al mister. "Chi decide sono io, la scelta di giocare corti in difesa è una mia richiesta, per cui la responsabilità è la mia", spiega Stroppa in conferenza stampa dopo il pari con il Bari. Con tutti gli errori di Guarna, a volte sembra che gli manchino i fondamentali del calcio (posizione tra i pali, uscite, rinvii ecc.), il Foggia avrebbe sofferto meno in questo campionato, così come non aver riconosciuto dall'inizio le potenzialità di alcuni calciatori. Tornando a Guarna, forse gli sfugge che la maglia numero 1 è stata di grandi calciatori della storia del Foggia ed uno in particolare, Franco Mancini, merita rispetto da chi la indossa. Mancano ancora diverse partite. I play off sono più distanti, ma non impossibili. Sabato prossimo si gioca con il Cittadella. Ormai il Foggia non ha nulla da perdere. Chissà, tornare a tre punte in avanti con Floriano e Noppert tra i pali potrebbe essere un test per il prossimo anno.

Pubblicità 2

Pubblicità

Pubblicità 4

Pubblicità sinistra 3